Benvenuti in Calabria

Benvenuti  in Calabria.

Luoghi e cenni della regione con la storia più antica in Italia.

800 Km circa di coste alte e rocciose, lunghe spiagge bianche di finissima sabbia, mare blu cobalto e insenature dai riflessi verdi……… altissimi abeti tra distese di verde nella pace dei laghi Silani… questi sono alcuni degli accordi che fanno di questa terra una sinfonia mediterranea dal nome……… CALABRIA

Benvenuti in Calabria. Scoprirla e capirla non è da tutti, i Greci sono stati i primi a colonizzarla e a viverne il fascino. Mare e monti racchiusi in Magna Grecia, questa è la bellezza del mondo calabrese, una meraviglia unica da ammirare.

Calabria

La Calabria è una regione capace di stupire per i suoi forti contrasti, le sue “anomalie” ambientali e paesaggistiche, con i suoi salti ecologici, le sue diverse “nature, per gli intrecci culturali, per la storia antichissima, nella quale affondano le radici della civiltà mediterranea ed europea. Essa vanta più di 3000 anni di storia documentata. Addirittura, scavi seguiti in vari punti della regione dimostrano l’esistenza dell’uomo preistorico. L’intera regione riserva ancora sorprese archeologiche ed è tutta da esplorare. Il periodo aureo della storia della Calabria risale all’epoca della Magnagrecia. Dal VII sec. a.C., infatti la Magna Grecia comincia a fiorire e a svilupparsi, favorendo opulenza agraria e grandezza politica e sociale.

Calabria dai mille volti: solare come una penisola le cui peculiarità è sottolineata dagli 800Km di costa bagnate da due mari, lo Ionio e il Tirreno; ombrosa, nordica, sui massicci del Pollino, della Sila, delle Serre e dell’Aspromonte, immersa nei boschi tempestati di fiumare che tracciano la via verso il piano.

Calabria dalle mille culture e tradizioni unificate in un vivere civile di tolleranza che le rispetta esaltandole: gli antichissimi riti grecanici, il culto valdese, la lingua, la letteratura e i costumi delle comunità albanesi.

Viaggiare e fare turismo in Calabria, oggi, vuol dire riscoprire l’incanto e la quiete degli antichi centri storici, le balconate montane sul mare, i sapori dal gusto corposo e sincero.

Una vera e propria ricchezza gastronomica è racchiusa nei preziosi frutti, prodotti raccolti in Calabria. Vi è il sapore ed il profumo di una vera ed unica, fatta di boschi millenari, di verde rigoglioso e di calore mediterraneo. Si avverte nella semplicità delle pietanze, nei sapori forti e decisi che si possono preparare e nella fantasia delle tradizioni da proteggere e valorizzare. La combinazione di spezie ed oli esprimono l’anima ed il profumo della Calabria, peperoni e peperoncini, aggiungono sapore alle pietanze calabresi. Tonno, pesce spada, cernie, costituiscono piatti invidiabili e privilegiati. e per finire Sua Maestà il vino. Molto pregiato quelli di Cirò e Bivongi DOC, vini ideali per tutti i tipi di carne, pesce e per i dolci un magnifico passito “Greco di Bianco“.

La Calabria è una città moderna: aeroporti, ferrovie, autostrade e, soprattutto, strutture ricettive di indubbio prestigio, pronte a rispondere ad ogni esigenza, rendendo agevole il viaggio e confortevole il soggiorno.

Le maggiori città della Calabria , Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia, sono ospitali e attrezzate e rappresentano il punto di partenza di itinerari naturalistici e storico-culturali di grande fascino.

Montagne e Coste

La Calabria è un colosso peninsulare che stabilisce equilibri ambientali ed ecologici davvero unici tra montagna e il mare, la cui distanza non supera quasi mai i Km. Un unico confine terrestre, quello a nord costituito dal grande Parco del Pollino diviso con la Basilicata, potrebbe indurre a pensare chela Calabria, con  i suoi 800 Km di costa bagnate ad est e a sud dallo Ionio e ad ovest dal Tirreno, è essenzialmente, dal punto di vista turistico, un territorio a vocazione marinara. Certo, le coste calabresi sono uniche, bellissime, dai tratti frastagliati e dalle acque limpide. Eppure la Calabria è anche un territorio al 90 per cento costituito da colline e montagne. A cominciare dall’altopiano della Sila, il più vasto d’Europa, che tanto affascinò dapprima i coloni Greci e poi i Romani. Un’orografia davvero singolare collega Sila alle Serre e all’Aspromonte dalle mille fiumare che corrono verso il mare. Un dolce degrado, lento, e sinuoso, dalla montagna alla collina, porta alla costa. Le rive della Calabria sono luoghi di storia e di leggenda, ma anche e soprattutto luoghi di grande turismo balneare, villaggi esclusivi, oasi di pace. Sulla Costa Ionica le spiagge bellissime e assolate, segnano le tappe dell’affascinante storia calabra: Bova, Roghudi, Roccaforte del Greco, Condofuri, con i loro centri collinari, un tempo riparo delle popolazioni dalle escursioni saracene. Risalendo lo Ionio, l’epopea  magnogreca si intreccia con i successivi caratteri bizantini:Locri, Gerace, Kaulonia, Riace, patria dei mitici Bronzi, Punta Stilo, Squillace – patria di Cassidoro, Capo Colonna, Crotone, la città di Pitagora, Punta Alice, fino alla magnifica Sibari.